olokaustos torna alla home page
biografie
guida
biografie
geografia
argomenti
opposizione
documenti
saggi e idee
musei e luoghi
ricerca
vuoto
vuoto
vuoto
prev nullo next nullo go back
filo filo filo filo filo filo
copyright olokaustos home page inizio pagina prev nullo next nullo go back
vuoto filo verticale vuoto vuoto filo verticale vuoto vuoto
Kurt Bolender
Kurt Bolender nacque il 21 maggio 1912. Apparteneva al programma di eutanasia e come tale era incaricato della cremazione dei cadaveri. All'inizio del 1942 venne inviato a Sobibor ed incaricato delle operazioni di cremazione del Campo III. Era particolarmente brutale: si recava sino alla piattaforma di scarico all'arrivo dei prigionieri e si divertiva a fracassare la testa ai bambini sulle pareti dei vagoni.
Venne trasferito a Treblinka nel settembre 1942.

Dopo la guerra si persero le sue tracce ma venne arrestato nel maggio 1961. Lavorava come facchino in un albergo di Amburgo ed aveva assunto il falso nome di Brenner. Da notarsi che tradotto letteralmente "Brenner" potrebbe essere tradotto come "bruciatore". Durante la perquisizione della sua casa la polizia ritrovò il manico della sua frusta che era stato lavorato a mano dall'orefice ebreo Szlomo Szmajzner. Szmajzner, uno dei pochi sopravvissuti di Sobibor, vi aveva inciso le iniziali di Bolender: "KB".
Mentre era in attesa di giudizio si impiccò nella sua cella nel carcere di Hagen nel dicembre 1965.