olokaustos torna alla home page
biografie
guida
biografie
geografia
argomenti
opposizione
documenti
saggi e idee
musei e luoghi
ricerca
vuoto
vuoto
vuoto
prev nullo next nullo go back
filo filo filo filo filo filo
copyright olokaustos home page inizio pagina prev nullo next nullo go back
vuoto filo verticale vuoto vuoto filo verticale vuoto vuoto
Karl Jäger

Karl Jaeger nacque a Schaffhausen in Svizzera il 20 settembre 1888. Commerciante, partecipò alla I Guerra Mondiale venendo decorato di Croce di Ferro di I Classe.
Si iscrisse al Partito Nazionalsocialista nel 1923 (tessera n. 359269) e alle SS nel 1932 (tessera n. 62823). Nel 1935 operò dapprima a Ludwigsburg, poi a Ravensburg, e a Munster. A Munster - dove fu assegnato nel 1938 - venne nominato capo del locale ufficio dei Servizi di Sicurezza (SD). Durante la guerra venne impiegato nell'Olanda occupata per un certo periodo e successivamente venne nominato comandante dell'Einsatzkommando 3, unità dell'Einsatzgruppe A.
Alla fine del 1941 e fino al settembre 1943 ricoprì l'incarico di comandante della Polizia di Sicurezza (SD) di Kovno in Lituania. Alla fine del 1943 ritornò in Germania dove capo della polizia a Reichenberg nella regione del Sudetenland.
Alla fine della guerra assunse una falsa identità e trovò occupazione come agricoltore. Venne smascherato e arrestato nel marzo 1959.
Si suicidò mentre era in attesa del processo il 22 giugno 1959. ,

 

Jager fu un protagonista nella distruzione delle Comunità ebraiche della Lituania.
La sua spaventosa attività è testimoniata da un rapporto sulla attività dell'Einsatzkommando 3 del 9 febbraio 1942.
Il documento, conosciuto come "Rapporto Jager", è un analitico specchietto del numero delle persone trucidate e dei luoghi di eliminazione.
In base ad esso si è stabilito che l'unità comandata da Jager uccise 136.421 ebrei, 1.064 comunisti, 653 disabili mentali, e altre 134 persone le cui "colpe" non sono meglio determinate.
La precisione macabra di Jager riporta tra le altre cose che tra le vittime ebraiche vi erano 55.556 donne e 34.464 bambini.
In un rapporto precedente del 1° dicembre 1941 Jager scriveva: "Non ci sono più ebrei in Lituania fatta eccezione per tre piccoli ghetti a Saiuliai, Kovno e Vilna".